Post

I romanzi per le vacanze che ti suggerisco di mettere in valigia

Immagine
Iniziano ad intravedersi all'orizzonte le sospirate ferie, e le ore di relax lontane dalla routine quotidiana. Per me significa avere il tempo necessario per scrivere quel nuovo romanzo che da un po' mi frulla in testa, ma anche - finalmente - il tempo da dedicare alla lettura di qualche libro, per il puro e semplice piacere di leggere.


Ho letto "Il porto proibito", di Tere(sa) e Ste(fano)

Immagine
Il disegno, e i fumetti di conseguenza, mi sono sempre piaciuti.
Così quando parto, e vado in trasferta per lavoro in treno, passo sempre nella libreria della stazione Termini: lì hanno un settore fumetti enorme dove spesso mi perdo con il rischio, a mia volta, di perdere il mio Frecciarossa.
Tutta questa premessa per dirvi, invece, che non potete perdervi Il porto proibito: è un fumetto italiano - del duo creativo Teresa Radice e Stefano Turconi - che merita tutta la vostra attenzione.


Ho letto "Quella strega di Tulip" di Anne Fine

Immagine
Se volete passare qualche ora di svago lasciandovi sorprendere, questo è il libro che fa per voi. Atmosfere a tratti cupe, una quotidianità snervante per la sua banalità, l’attrazione del male. Perché essere una cattiva bambina può essere ammaliante ma anche distruttiva per quell’amica che si lascia irretire alla ricerca di un affetto simbiotico per superare i suoi drammi adolescenziali.


E se per tutto il racconto il lettore segue il filo del ragionamento di Natalie, l’amica, quello che veramente affascina e conta è la personalità di Tulip , la cattiva bambina, la sua inesauribile originalità nel fare giochi sempre più perfidi e quel suo modo di non farsi dire di no, da nessuno per esorcizzare i divieti e le botte del suo padre-padrone. Leggere per credere.



Quella strega di Tulip
Anne Fine
Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Collana: Ragazzi
Anno edizione: 2000
EAN: 9788817036535

Ciao
Enza Emira Festa

E' uscito "Sofia, il nonno e il drago"

Immagine
Ed è finalmente uscito anche "Sofia, il nonno e il drago". Uno dei miei ultimi racconti, ed uno al quale sono particolarmente legata.
Inizia così:
Fu così, non appena PUFF ci fu quel lampo blu, blu come il cielo di notte, che Sofia vide il drago, il drago di nonno Giovanni. Lui ne aveva parlato per la prima volta in un giorno di pioggia, una pioggia fitta fitta con le nuvole basse, sotto al portico, davanti alla casa di mattoncini rossi. Aveva a lungo osservato le gocce d’acqua piovana scivolare giù dalla grondaia di rame. Aveva stretto la mano di Sofia e, tirando su con il naso, aveva esclamato: - Sofia, credo di aver visto un drago, un drago con la coda lunga e con l’alito di fuoco. Mi credi, nipotina mia?

Di cosa parla? Di un tema difficile da affrontare già per noi adulti, figurarci per i bambini: quello della morte di una persona cara. Ma è un tema che prima o poi va affrontato.
E io l'ho fatto con questo racconto, e con tutta la delicatezza, l'amore e la poe…

Sabato prossimo, appuntamento a Squille!

Immagine
Sabato prossimo, 29 aprile, sarò a Squille - un paese in provincia di Caserta - per presentare il mio libro Malerva, e per discuterne con i ragazzi.
Se sei in zona, ti aspetto!


PS: hai visto che bella la locandina? Me l'ha preparata Annalisa, che ringrazio di cuore :)

Quando poi l'amore, finalmente in carta e inchiostro

Immagine
Ci siamo: dopo la versione ebook, "Quando poi l'amore" esce anche in carta e inchiostro.


Malerva tra i 20 del Bancarellino

Immagine
Oggi ho saputo che Malerva è stato selezionato tra i 20 libri che parteciperanno al premio Bancarellino 2017.

Saranno ora i ragazzi delle scuole medie a decidere i finalisti, e spero che Malerva gli piaccia.

Per ora, già questa è una grande soddisfazione!

Ciao
Enza Emira