Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2018

Ho letto "Oltre il fiume" di J. R. Moehringer

Immagine
Sono all’aereoporto per andare a Bari e, come al solito, mi faccio un giro in libreria per trovare qualcosa che mi intrighi un po’.
Trovo, nascosto tra titoli a me molto noti, questo piccolo libro, "Oltre il fiume", del giornalista americano John Joseph "J.R." Moehringer: è un reportage che ha vinto il premio Pulitzer un bel po’ di anni fa. Mi incuriosisco e lo acquisto.


L’ho letto tutto di un fiato durante il volo. Bello: perché è la storia di una comunità, perché è anche la storia di un passato che segna significativamente un futuro, perché è uno dei tanti volti della democrazia più grande al mondo.
Non è una lettura da spiaggia, direte. Sì ma in spiaggia ci vanno pure gli intellettuali e io, come dire, ne ho per tutti!!!
Buona lettura.

Oltre il fiume
J. R. Moehringer
Traduttore: G. Zucca
Editore: Piemme
Collana: Piemme voci
Anno edizione: 2014
Pagine: 93 p., Rilegato
EAN: 9788856641738

L'incrocio (racconto breve da 2 minuti)

Lo vidi una mattina carica d’umidità. Mi fissò con occhi fieri e severi come se mi volesse far abbassare lo sguardo e addomesticarmi.
Io ero in auto e lui per strada.
Ne rimasi  colpita certa, però, che non l’avrei mai più incontrato. E, invece, una settimana dopo era di nuovo lì a scrutarmi. Stesso posto, stesso incrocio.
Io in auto, lui per strada.
Ma questa volta c’era il sole e lui allegro e pieno di vita. Incontrare il suo sguardo fu piacevole; questo sebbene io a un tipo come lui non mi sarei mai sognata, dico mai sognata di dare spago. Eppure quella sua gioia di vivere qualcosa aveva prodotto in me.
Il giorno dopo ero lì che lo cercavo in mezzo alla gente, colta da un desiderio antico e lo confesso, assai seducente, di essere addomesticata. Io, proprio io, che sempre professavo la mia ostinata volontà  di essere libera, libera da tutti e tutto, soprattutto da legami di questo tipo. Eppure, lo ammetto, lui aveva qualcosa che mi attraeva.
Lui se ne rese conto e iniziò a studiare …

Ho letto "Le intermittenze della morte" di José Saramago

Immagine
Un titolo inquietante per una libro da leggere prima di andare a dormire, ma non lasciatevi ingannare dalle apparenze: è un racconto brillante e molto divertente. Ve lo propongo perché, anche se è un po’ vecchiotto, è un imperdibile.


E questo perché mette in moto allegramente il cervello rivelando in modo spietato tutti i paradossi della nostra società che di morte e di vecchiaia non vuole proprio sentire parlare sebbene siano parte della vita e siano un’esperienza che toccherà a ciascuno di noi. Da gustare sorseggiando un aperitivo comodamente sprofondate in poltrona!

Le intermittenze della morte
José Saramago
Traduttore: R. Desti
Editore: Feltrinelli
Collana: Universale economica
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: Brossura
EAN: 9788807881350