Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2016

Malerva, le recensioni

Immagine
Ero curiosa di sapere cosa ne pensate di "Malerva". Così ho fatto un giro sul web, ed ecco i commenti che ho trovato.

In questo romanzo si parla di temi complicati, di quartieri difficili, di camorra e di omertà. L'autrice non ci risparmia i dettagli e decide di raccontare una storia che dovrebbe spingerci a riflettere su queste realtà che non sono affatto lontane da noi ma che spesso ignoriamo. Credo che questo romanzo possa essere un'ottima lettura per i più giovani, ma anche i meno giovani, perchè parla di un argomento di cui non si parla quanto si dovrebbe e che resta un problema sempre attuale. (La Fenice Book) La giornalista napoletana Enza Emira Festa ha collaborato con vari servizi Rai (RadioUno, GT Ragazzi, TG1, TG3), mantenendo sempre una grande passione per la scrittura e pubblicando numerosi interessanti romanzi, soprattutto per ragazzi e adolescenti. Qui si colloca al confine, una favola amara per descrivere alcuni drammi sociali della Napoli contempora…

Malerva, in libreria

Immagine
Martedì esce "Malerva"!
Sono molto emozionata nel comunicarvi che martedì 19 gennaio esce il mio nuovo romanzo. Si intitola "Malerva" ed è pubblicato dalla Piemme.

E' una storia a cui ho lavorato a lungo e a cui sono particolarmente legata. La protagonista, Imma, è una ragazza di un quartiere popolare con un gran desiderio di cambiare la sua vita: vuole rispetto e ricchezza. E questo la porterà dritta dritta tra le braccia del Sistema, pagando però un prezzo altissimo.

Lo trovate in tutte le librerie (la copertina è quella qui sotto), anche online su:

AmazonMondadori storeibslaFeltrinellilibreria Rizzolilibreria Universitaria

Buona lettura e... aspetto i vostri commenti!

Enza Emira


OH OH wurstel e patatine! - Capitolo II

Immagine
La notte avrà portato consiglio a Valentina? La smetterà di fare capricci con il cibo?
Lo scoprirete solo leggendo.

E noi ci diamo appuntamenti alla prossima puntata.
Enza Emira


02. "Evviva ho vinto!"
Quando suona la sveglia mi sembra di tornare dall'oltretomba.
Gli occhi fanno fatica ad aprirsi.
 La mamma mi chiama dalla cucina.
“Valentina, sbrigati che altrimenti fai tardi e perdi lo scuolabus”.
Sbadiglio e mi accorgo che mi fa male lo stomaco.
Forte.
Forte.
È fame.
Ho saltato la cena per via della ratatouille alla mia maniera e adesso mi si rigirano tutte le budella.
Mi sento morire.
Dannazione.
Poi il naso mi si attiva e le narici si dilatano.
Gnam gnam, c'è un profumino di qualcosa di buono che viene dalla cucina.
Mi butto giù dal letto e mi precipito a vedere.
La mamma è impegnata davanti ai fornelli e mi invita a sedermi.
“Dopo quello che è successo ieri” mi dice con tono calmo “io e papà siamo d'accordo che sia tu a decidere quello che vuoi mangiare.…