Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2017

Ho letto "Quella strega di Tulip" di Anne Fine

Immagine
Se volete passare qualche ora di svago lasciandovi sorprendere, questo è il libro che fa per voi. Atmosfere a tratti cupe, una quotidianità snervante per la sua banalità, l’attrazione del male. Perché essere una cattiva bambina può essere ammaliante ma anche distruttiva per quell’amica che si lascia irretire alla ricerca di un affetto simbiotico per superare i suoi drammi adolescenziali.


E se per tutto il racconto il lettore segue il filo del ragionamento di Natalie, l’amica, quello che veramente affascina e conta è la personalità di Tulip , la cattiva bambina, la sua inesauribile originalità nel fare giochi sempre più perfidi e quel suo modo di non farsi dire di no, da nessuno per esorcizzare i divieti e le botte del suo padre-padrone. Leggere per credere.



Quella strega di Tulip
Anne Fine
Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Collana: Ragazzi
Anno edizione: 2000
EAN: 9788817036535

Ciao
Enza Emira Festa

E' uscito "Sofia, il nonno e il drago"

Immagine
Ed è finalmente uscito anche "Sofia, il nonno e il drago". Uno dei miei ultimi racconti, ed uno al quale sono particolarmente legata.
Inizia così:
Fu così, non appena PUFF ci fu quel lampo blu, blu come il cielo di notte, che Sofia vide il drago, il drago di nonno Giovanni. Lui ne aveva parlato per la prima volta in un giorno di pioggia, una pioggia fitta fitta con le nuvole basse, sotto al portico, davanti alla casa di mattoncini rossi. Aveva a lungo osservato le gocce d’acqua piovana scivolare giù dalla grondaia di rame. Aveva stretto la mano di Sofia e, tirando su con il naso, aveva esclamato: - Sofia, credo di aver visto un drago, un drago con la coda lunga e con l’alito di fuoco. Mi credi, nipotina mia?

Di cosa parla? Di un tema difficile da affrontare già per noi adulti, figurarci per i bambini: quello della morte di una persona cara. Ma è un tema che prima o poi va affrontato.
E io l'ho fatto con questo racconto, e con tutta la delicatezza, l'amore e la poe…